Notizie - Cultura e musica

Trento: sei concerti dedicati alle donne compositrici del 500 al Castello del Buoncosiglio

“QUANDO LE DONNE SI MISERO A COMPORRE” AL CASTELLO DEL BUONCONSIGLIO

Sabato 3 luglio (h. 20.45) primo concerto dedicato alle donne musiciste dal ‘500 ai giorni nostri

Sei concerti organizzati in collaborazione con l’Associazione Chaminade e il Centro Servizi Culturali S. Chiara

La figura della donna è da sempre associata all’arte, ma nella maggior parte dei casi solo come musa ispiratrice e assai raramente come artista. Soprattutto nei secoli passati la donna non era ritenuta abbastanza autorevole per creare arte, raramente le donne venivano identificate come autrici di un prodotto artistico, che fosse una tela dipinta o una scultura, un mobile intarsiato, un arazzo, un mosaico oppure, ugualmente, un’opera musicale.

Nell’ottica di valorizzare la donna come artista, in concomitanza con la mostra del Castello del Buonconsiglio dedicata a “Fede Galizia. Mirabile pittoressa”, una delle rare pittrici di origine trentina ad avere fama e fortuna assieme ad Artemisia Gentileschi, Sofonisba Anguissola e Lavinia Fontana, il museo in collaborazione con l’Associazione Chaminade e il Centro Servizi Culturali S. Chiara, proporrà nel corso dell’estate una serie di concerti - inseriti all’interno della rassegna “dicastelincastello” - per valorizzare proprio le artiste-musiciste della storia. Al pubblico verrà offerta una prospettiva, in gran parte sconosciuta, della musica classica composta dalle donne dal Cinquecento ai giorni nostri. Verranno proposti sei concerti nella magnifica cornice della Loggia del Romanino, con un numero di spettatori ridotto nel rispetto delle misure anticontagio, in orario serale a cadenza bisettimanale (il 3 e 16 luglio, il 7 e 21 agosto, il 4 e 17 settembre). I programmi musicali saranno dedicati alla musica delle compositrici, come offerta integrale o in dialogo con la musica di compositori.

Il primo appuntamento al Castello si terrà sabato 3 luglio alle 20.45 con l’Ensemble vocale Continuum diretto dal m° Luigi Azzolini. “Il comporre al femminile dal Medioevo ad oggi”, questo il titolo della serata, un concerto corale con musiche del Rinascimento accompagnate da clavicembalo e liuto che proporrà uno sguardo sulla musica vocale scritta dalle donne attraverso i secoli. Partendo dalla figura poliedrica della mistica tedesca Hildegard von Bingen si scopriranno altre grandi compositrici come Maddalena Casulana e Sulpitia Lodovica Cesis, coeve della pittrice barocca Fede Galizia, e ancora Amy Beach e Rebecca Clarke, nel passaggio dal Romanticismo al XX secolo.

Il 16 luglio sarà di scena il concerto “Flute Image di donne”, un giro attorno al mondo sulle ali del flauto, sfogliando l’opera monumentale sul repertorio femminile curato dalla musicista e musicologa abruzzese Vilma Campitelli. La rosa di dieci opere presentate al Castello di Trento svela alcune pagine del “Compendium musicae flauta”, una ricerca decennale che raccoglie 15.000 titoli di composizioni del repertorio flautistico scritto da compositrici tra il XVI e il XXI secolo. Suoneranno il Quartetto di Flauti Image con Beatrice Petrocchi e Agnese Cingolani, 1° e 2° flauto, Cecilia Troiani, flauto in sol/flauto in do, Vilma Campitelli, flauto basso/flauto in do, con musiche di Sophie Lacaze, Enrica Sciandrone, Liz Sharma, Agnes Bashir, Marielli Sfakianaki.

Il 7 agosto ci sarà il concerto “Viaggio attraverso i continenti”: la sensibilità musicale delle compositrici d’oggi attraverso musiche dalle ispirazioni più lontane: le vibrazioni della natura per la canadese Pettigrew, lo stile accademico dell’italiana Procaccini, il tango dell’argentina Figueroa Mañas, il minimalismo dell’australiana Howell, le aure decadenti della lettone Kurme, la forza degli elementi per la greca Zlatanou. Cinque musicisti alla scoperta della composizione al femminile. Suonerà l’Ensemble Chaminade con Elisa Metus (oboe), Roberta Gottardi (clarinetto), Alessandro Valoti (corno), Oscar Locatelli (fagotto), Monique Cìola (pianoforte) con musiche di Colette Mourey, Teresa Procaccini, Marilena Zlatanou, Laura Peetigrew, Adriana Figueroa Manas, e Rae Howell.

Il 21 agosto sarà proposto il concerto “Alla corte di Vienna”, una serata dedicata al concerto classico per pianoforte, mettendo in dialogo il grande Wolfgang Amadeus Mozart con l’altrettanto geniale, ma decisamente sconosciuta, Marianna von Martines. Le opere saranno proposte nella trascrizione per tastiera ed ensemble d’archi, nella versione storica di Ignaz Lachner per quanto riguarda Amadeus, e nella nuova trascrizione - commissionata appositamente per questo appuntamento al compositore trentino Antonio Maria Fracchetti - per l’opera di Marianna. Si esibirà il Quartetto Mascagni con Vincenzo Quaranta e Alessia Pallaoro (violini), Roberto Mendolicchio (viola), Francesco Ciech (violoncello), Monique Cìola (pianoforte).

Il 4 settembre il concerto “Uno sguardo sul Romanticismo” dove la bellezza della musica Romantica, nei suoni ammalianti dell’arpa e del flauto, regalerà una serata dai riflessi dorati e purpurei. Conosceremo l’opera delle compositrici francesi Henriette Renié, Lili Boulanger e Cécile Chaminade attraverso un dialogo con altri famosi autori. Il concerto prende l’avvio da alcune pagine settecentesche, tra cui quelle della compositrice e cantante di origini italiane Anna Bon. Con il Duo Nova Piva composto da Elena Piva (arpa) e Giuseppe Nova (flauto), con musiche di Corelli, Donizetti, Anna Bon.

Il 17 settembre l’ultimo concerto “Conversazioni Classiche” propone una serata dedicata alla musica del Classicismo con il clavicembalo. Scopriremo lo stile della milanese Maria Teresa Agnesi e della britannica Maria Hester Park, in un confronto con gli autori a loro contemporanei, dal più famoso figlio di Bach, Johann Christian, al meno conosciuto Claude Balbastre, uno tra i più noti autori francesi del suo tempo. Con l’Accademia Ensemble con Diego Castelli (violino), Luca Moretti (viola e violino), Elisabetta Soresina (violoncello), Chiara Nicora (clavicembalo).

In ottemperanza delle disposizioni vigenti, si informa che l’ingresso sarà contingentato. L’accesso sarà gratuito ma solo previa prenotazione. Per prenotarsi sono necessari pochi e semplici passi: collegarsi al sito internet www.centrosantachiara.it, entrare nella sezione dedicata all’evento e cliccare il pulsante PRENOTA IL POSTO posizionato accanto a ogni appuntamento. Sarà necessario lasciare i propri dati, e se l’operazione sarà andata a buon fine verrà rilasciato un QR code che dovrà successivamente essere mostrato (anche dal telefono) al gate di accesso dell’evento selezionato.

Ogni utente potrà prenotare fino a un massimo di 4 biglietti contemporaneamente, fornendo i dati di ciascun fruitore.

Infine, si informa che, in caso di sopraggiunta impossibilità a partecipare all’evento, è possibile rientrare nel sistema di prenotazione, disdire e liberare il proprio posto per consentire a terzi di partecipare alla festa. Un piccolo, ma importante gesto.

Per avere info e assistenza nelle fasi di prenotazione chiamare il numero verde 800013952 della biglietteria del Teatro Auditorium, attivo dal lunedì al sabato (lun 14-18, mar-sab 10-13, 14-18).