Notizie - Opera

Anna Netrebko sarà Lady Macbeth alla prossima inaugurazione della Scala

L’estrosa star lirica russa si sta spingendo sempre più verso ruoli drammatici. Di rassicurante qualità le altre scelte artistiche.

Il Teatro alla Scala ha presentato la sua stagione 2021-2022 e l’inaugurazione del 7 Dicembre sarà nuovamente dedicata a Verdi con una delle opere giovanili del compositore di Busseto, Macbeth. Protagonista il soprano russo Anna Netrebko, l’attuale indiscussa star lirica mondiale, che si sta spingendo sempre più verso ruoli da soprano drammatico. Non nuova al personaggio della Lady che però sta affiancando a ruoli come Turandot e Adriana Lecouvreur che presenterà sempre alla Scala nel marzo del 2022. Un deciso cambio di passo per lo sviluppo della sua carriera.

Ad affiancare la Netrebko ci sarà il Macbeth di Luca Salsi e il Macduff di Francesco Meli, praticamente viene riproposto invariato il cast della Tosca di due anni fa. A completare il cast il basso russo Ildar Abdrazakov, che interpreterà Banco. La direzione sarà affidata a Riccardo Chailly che completa con questa opera un’ideale trilogia giovanile verdiana, dopo Giovanna d’Arco e Attila degli scorsi anni. La Scala sceglie di andare sul sicuro con cantanti ormai sdoganati nella sala del Piermarini.

Altro ritorno forse un po’ troppo scontato per quanto riguarda regia e allestimento. Infatti la messa in scena è per la quarta inaugurazione affidata a Davide Livermore affiancato dal consueto cast di collaboratori per uno spettacolo che si annuncia multimediale in linea con gli ultimi lavori presentati dal regista.

Niente esperimenti dunque per la prossima inaugurazione, un cast sicuro e di richiamo e una regia che, pur tecnicamente innovativa, immaginiamo non farà scandalo. Iniziamo a riabituarci ad andare all’opera per ora, ma speriamo che poi tutto cambi e anche la Scala intraprenda strade nuove.

R. Malesci